Salute, caffè e cioccolato riducono il rischio di morte per infarto o ictus

Salute - Caffè e cioccolato riducono il rischio di morte per infarto o ictus

Salute del cuore al sicuro grazie a caffè e cioccolato, che riducono il rischio di morire per infarto o ictus! Scopriamo insieme i dettagli.

Salute del cuore maggiormente tutelata grazie a caffè e cioccolato: è quanto emerge da uno studio realizzato dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Torino, secondo cui caffè e cioccolato riescono realmente a tutelare la salute del nostro cuore, riducendo in maniera sensibile il rischio di morte per infarto o ictus!

Gli esperti aggiungono:

Quattro o cinque tazzine di caffè al giorno, anche decaffeinato, riducono la mortalità cardiovascolare in follow up che vanno da 10 a 18 anni. A lungo termine, bere caffè ha un effetto positivo. Il chicco di caffè è la sostanza con più antiossidanti esistente in natura. A proposito di prevenzione cardiovascolare, certamente possiamo affermare che negli ultimi vent’anni abbiamo a disposizione nuovi farmaci, nuove tecniche chirurgiche, che indubbiamente hanno ridotto la mortalità, ma per tre quarti il merito è della prevenzione ed è principalmente su questo fattore che noi medici dobbiamo impegnarci. Esistono dati su oltre 10mila individui che rivelano che chi assume caffè, su lungo periodo, ha meno ansia, dorme meglio, non ha la pressione più alta rispetto a chi non lo beve. Uno studio francese che ha analizzato oltre 200mila persone, su un periodo di 8-10 anni, riferisce dati positivi sulla mortalità. I dati piemontesi confermano che chi beve caffè ha un umore migliore, meno ansia, riposa meglio, non ha pressione o colesterolo più alti. Solo in Italia, ogni anno, 50mila persone muoiono improvvisamente, vale a dire più di 130 morti al giorno senza che si possa intervenire. È una grossa battaglia che si cerca di portare avanti con vari mezzi. Forse non tutti sanno che l’Italia è, tra i Paesi occidentali, con poche altre nazioni, all’avanguardia nella prevenzione della morte improvvisa con un 90% di riduzione della mortalità negli atleti sottoposti a screening adeguato. Alle Molinette di Torino, ad esempio, si utilizzano tecniche interventistiche sempre più innovative, tese a prevenire l’evento fatale in soggetti con predisposizione, ad esempio su pazienti con malattie genetiche che possono condurre ad aritmie maligne ed a morte improvvisa anche nei giovani.

Insomma, un buon caffè o una barretta di cioccolato fanno bene allo spirito… E al corpo: e allora, godiamoci la bontà di questi due meravigliosi (e buonissimi) alimenti, coscienti del fatto che non solo sono buoni, ma rendono migliore la nostra salute. E di questi tempi è davvero tanto!

Scrivi un commento