Salute, fumare in gravidanza danneggia il cervello del nascituro

Salute - Fumare in gravidanza danneggia il feto

Salute a rischio per i figli di madri fumatrici in gravidanza: gli effetti negativi sul cervello perdurano, infatti, anche dopo la nascita! I dettagli.

Salute che se ne va non solo per le madri fumatrici, ma anche per i nascituri: che fumare faccia male è risaputo, che farlo in gravidanza sia da folli è noto, ma l’entità del danno cagionato al nascituro non era stato reso noto, almeno fino a pochi giorni fa, quando la Yale University ha scoperto che i danni al cervello di un bambino nato da una donna che ha fumato in gravidanza perdurano nel lungo periodo, con anomalie nelle connessioni nervose formate nell’età dello sviluppo.

E’ quanto suggeriscono gli esami di laboratorio: nello specifico, i figli di madri fumatrici tendono a manifestare disturbi d’attenzione ed iperattività a causa, verosimilmente, del malfunzionamento di un gene necessario alla formazione di sinapsi e connessioni nervose nell’età dello sviluppo. Un danno assolutamente enorme, reso tale proprio dall’azione del fumare durante la gravidanza.

Andrebbe ricordato a talune madri, infatti, che proprio durante la gravidanza andrebbero adottate maggiori cure e cautele, non soltanto per la madre, ma, principalmente, per il figlio che esse portano in grembo: fumare fa gia male, ma se proprio ci si vuole far del male a tutti i costi, perché coinvolgere anche il povero bambino (o bambina) che sta nascendo? Qual’è la loro colpa? Sopratutto, perché far del male a loro?

Insomma: lo abbiamo detto decine di volte, ed altrettante volte la scienza si è espressa in merito. Fumare fa male: fa male a voi, a chi vi sta intorno e a chi ancora deve nascere. Pensateci alla prossima sigaretta che accendete: sopratutto, se proprio avete voglia di farvi del male, fatelo a voi stessi e non a chi non è ancora nemmeno nato!

Scrivi un commento