Salute, sale al 20% la quantità di frutta nei succhi

Passa alla Camera l’emendamento che porta al 20% la quantità minima di frutta nei succhi in commercio. I dettagli.

Sale dal 12 al 20 percento la quantità minima di frutta contenuta nei succhi in commercio: alla Camera è passato l’emendamento che innalza il limite minimo nelle bevande in commercio nel nostro Paese. L’emendamento è passato nonostante il tentato ostruzionismo del Governo, che aveva espresso parere negativo.

“Si tratta di un grande successo per la tutela della salute dei consumatori ma anche dei nostri produttori di frutta, in favore dei quali stiamo combattendo una battaglia che non piace alle multinazionali”. Queste le dichiarazioni al termine delle votazioni.

Scrivi un commento