San Valentino, ipocrisia o festa dell'amore?

Si avvicina San Valentino e, sempre maggiore, ritorna il dubbio sull’effettiva valenza della ricorrenza…

Sempre di più, ormai, San Valentino diventa una festa destinata al consumismo smodato, senza ricordarsi di ciò che davvero rappresentava, almeno negli intenti, la festa stessa.

Scomodiamo, quindi, per l’occasione, la cara, vecchia, Wikipedia, e vediamo cosa ci racconta in merito: non tutti lo sanno ma, effettivamente, la ricorrenza di “San Valentino” ha una storia molto particolare, che affonda le sue radici nei remoti secoli per giungere fino a noi, passando per dominazioni e storie di persone, ere, epoche.

Solo nell’era moderna, purtroppo, la ricorrenza, al pari di tante altre, ha perso il suo “vero valore”, la sua autenticità dedicata a quel grande sentimento capace di muovere il mondo, l’amore, per trasformarlo in una ben più vile ricorrenza utile solo a far aumentare i portafogli di certuni.

Ad ogni modo, vediamo cosa ci racconta l’enciclopedia online a proposito di questa ricorrenza:

La ricorrenza di San Valentino ha sostituito in epoca cristiana i lupercalia romani, celebrati il 15 febbraio; questi riti erano però dedicati alla fertilità e non all’amore romantico. Nel 496 Papa Gelasio I dedicò il 14 febbraio al santo e martire San Valentino, presumibilmente anche con lo scopo di cristianizzare la festività romana. Sebbene la figura di San Valentino sia nota anche per il messaggio di amore portato da questo santo, l’associazione specifica con l’amore romantico e gli innamorati è quasi certamente posteriore, e la questione della sua origine è controversa.

Una delle tesi più note è che l’interpretazione di San Valentino come festa degli innamorati si debba ricondurre al circolo di Geoffrey Chaucer, che nel Parlamento degli Uccelli associa la ricorrenza al fidanzamento di Riccardo II d’Inghilterra e Anna di Boemia. Tuttavia, studiosi come Henry Kelly e altri hanno messo in dubbio questa interpretazione. In particolare, il fidanzamento di Riccardo II sarebbe da collocare al 3 maggio, giorno dedicato a un altro santo omonimo del martire, San Valentino di Genova.

Pur rimanendo incerta l’evoluzione storica della ricorrenza, ci sono alcuni riferimenti storici che fanno ritenere che la giornata di San Valentino fosse dedicata agli innamorati già dai primi secoli del II millennio. Fra questi c’è la fondazione a Parigi, il 14 febbraio 1400, dell'”Alto Tribunale dell’Amore”, un’istituzione ispirata ai principi dell’amor cortese. Il tribunale aveva lo scopo di decidere su controversie legate ai contratti d’amore, i tradimenti, e la violenza contro le donne. I giudici venivano selezionati sulla base della loro familiarità con la poesia d’amore.

La più antica “valentina” di cui sia rimasta traccia risale al XV secolo, e fu scritta da Carlo d’Orléans, all’epoca detenuto nella Torre di Londra dopo la sconfitta alla battaglia di Agincourt (1415). Carlo si rivolge a sua moglie con le parole: Je suis desja d’amour tanné, ma tres doulce Valentinée….

L’uso di spedire “valentine” nel mondo anglosassone risale almeno al XIX secolo. Già alla metà del secolo negli Stati Uniti alcuni imprenditori come Esther Howland (1828-1904) iniziarono a produrre biglietti di San Valentino su scala industriale; a sua volta, la Howland si ispirò a una tradizione antecedente originaria del Regno Unito. Fu proprio la produzione su vasta scala di biglietti d’auguri a dare impulso alla commercializzazione della ricorrenza e, al contempo, alla sua penetrazione nella cultura popolare.910 Il processo di commercializzazione della ricorrenza continuò nella seconda metà del XX secolo, soprattutto a partire dagli Stati Uniti. La tradizione dei biglietti amorosi iniziò a diventare secondaria rispetto allo scambio di regali come scatole di cioccolatini, mazzi di fiori, o gioielli.

7 Commenti

  1. Pingback: upnews.it

    San Valentino, ipocrisia o festa dell’amore?…

    Si avvicina San Valentino e, sempre maggiore, ritorna il dubbio sull’effettiva valenza della ricorrenza… Sempre di più, ormai, San Valentino diventa una festa destinata al consumismo smodato, senza ricordarsi di ciò che davvero rappresentava, almeno…

  2. Pingback: diggita.it

    San Valentino, ipocrisia o festa dell’amore?…

    Si avvicina San Valentino e, sempre maggiore, ritorna il dubbio sull’effettiva valenza della ricorrenza… Sempre di più, ormai, San Valentino diventa una festa destinata al consumismo smodato, senza ricordarsi di ciò che davvero rappresentava, almeno…

  3. Pingback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

    Questo articolo è stato segnalato su ZicZac.it….

    Si avvicina San Valentino e, sempre maggiore, ritorna il dubbio sull’effettiva valenza della ricorrenza… Sempre di più, ormai, San Valentino diventa una festa destinata al consumismo smodato, senza ricordarsi di ciò che davvero rappresentava, almeno…

  4. Pingback: www.blog-news.it

    San Valentino, ipocrisia o festa dell’amore?…

    Si avvicina San Valentino e, sempre maggiore, ritorna il dubbio sull’effettiva valenza della ricorrenza…

  5. Pingback: notizieflash.com

    San Valentino, ipocrisia o festa dell’amore?…

    Si avvicina San Valentino e, sempre maggiore, ritorna il dubbio sull’effettiva valenza della ricorrenza… Sempre di più, ormai, San Valentino diventa una festa destinata al consumismo smodato, senza ricordarsi di ciò che davvero rappresentava, almeno…

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!