Scienza, ecco perché si dorme male cambiando letto

Scienza - Ecco perché si dorme male cambiando letto

Scienza alla scoperta di curiosità: una recente ricerca ha, infatti, chiarito perché dormiamo male cambiando letto. Scopriamolo insieme.

Scienza e scienziati sono stati, recentemente, protagonisti di una scoperta davvero curiosa, che ha definitivamente chiarito perché si dorme male quando si cambia letto.

Si sa, è una cosa che capita quantomai spesso: basta solo viaggiare, dormire da amici o in un hotel, e quando, l’indomani mattina, ci svegliamo, ci sentiamo più stanchi di quando siamo andati a letto, probabilmente perché non abbiamo fatto chiuso occhio.

La Brown University di Providence ci spiega perché: la risposta è da ricercare nel nostro cervello, che, verosimilmente, attiva meccanismi primordiali, tali per cui uno dei due emisferi resta sveglio, “in allarme”, alla ricerca di eventuali pericoli, evidentemente derivanti da stimoli ambientali relativi a luoghi a noi sconosciuti, o, comunque, non familiari, mentre l’altro emisfero continua a dormire.

Non si tratta, ad onor del vero, di un meccanismo così strano: in natura è utilizzato spessissimo, ad esempio, dalle balene, che, in questo modo, riescono a dormire continuando a notare.

I ricercatori hanno effettuato, in laboratorio, un test su trentacinque volontari, il cui sonno è stato analizzato nella prima e nella seconda notte trascorsa all’interno dello stesso laboratorio: dalla’analisi è emerso che nella prima notte di sonno, l’emisfero sinistro era maggiormente attivato rispetto al destro, con una maggiore sensibilità a suoni e rumori, ma tale situazione durava solo ed esclusivamente la prima notte, in quanto, a partire dalla seconda, il cervello si era già adattato non percependo, di fatto, ulteriori pericoli.

I ricercatori vogliono, adesso, capire perché sia proprio tale emisfero a restare sveglio, e quali dinamiche portano all’ipersorveglianza nella circostanza oggetto di studio. Ad ogni modo, è già un primo passo avanti verso la spiegazione dei tanti segreti che ancora nasconde quella macchina così perfetta chiamata corpo umano!

Scrivi un commento