Se nel giardino sono gia fiorite le mimose , allora c'è davvero da preoccuparsi!


Guardo fuori , e di fronte a me , sotto il cielo azzurro , vedo fiorito un cespuglio rigoglioso ed elegante , pieno di mimose gialle e lucenti …
… E purtroppo non c’è nulla di poetico o di primaverile : un segno assolutamente da tenere in considerazione : i cambiamenti climatici stanno sconvolgendo il nostro pianeta , e se le mimose sono fiorite adesso , vuol dire che la temperatura è più alta di quanto non dovrebbe essere , e di conseguenza , pensando in un ottica di “lungo periodo” , la temepratura si alzerà ulteriormente … Uno scenario a dir poco preoccupante …
Non posso crederci , nonostante sia di fronte ai miei occhi : anche i mandorli sono gia in fiore (e pesanre che quando ero piccolo e vedevo un mandorlio in fiore , era segno che la primavera era ormai alle porte …)
Le conseguenze , ovviamente , le possiamo immaginare bene : per la tradizionale festa dell’Otto Marzo non ci saranno mimose , o se ce ne saranno saranno considerate “pezzi rari” , con i prezzi che schizzeranno alle stelle …

Forse può sembrare uno scenario troppo “apocalittico” ,
ma la situazione , forse , è ben più grave di quanto non si possa immaginare : le ricerche sul nostro Pianeta lo descrivono abbastanza “acciaccato” , con molti problemi le cui conseguenze si vedranno nei lunghi periodi , con l’andare del tempo !

Non si può spiegare altrimenti se nella Pianura Padana il grano è gia lato 20 centimentri , se mandorli e mimose sono gia in fiore . E ancora , come non citare gli iceberg che si staccano sempre più spesso ?

… E mentre scrivo , il mondo continua a girare senza fretta , mentre la mia mente vola indietro nel tempo , negli anni , a quando ero un piccolo cuSCiolo , e vedevo i giardini in fiore quando cominciava la primavera , e sentivo il gusto dell’aria che diventava calda piano piano , verso mezzogiorno … Ricordo i primi giorni di maggio , con la maglietta che diventava a mezze maniche , e i pomeriggi quando , affacciato alla finestra , vedevo la città ancora viva alle sei e trenta del pomeriggio , con il sole ancora alto …
Ricordo le mie corse immaginando di toccare il cielo , e tutto intorno i gelsomini fioriti , l’odore dei fiori , e il sole che scottava sempre più … Era estate , era tempo di vivere felice .
Ricordo le passeggiate guardando le auto che correvano , e gli stormi di uccelli nel cielo che sembravano formare disegni … Ripenso al sole e a quell’immenso cielo azzurro , senza neanche una nuvola , lucente …
Poi divenni più grande , ed era tempo del primo amore , quello che vivi con il primo batticuore di chi sente quell’emozione tra le dita , di chi sente per la prima volta quel calore che ti sale da dentro … Ricordo i suoi occhi e le sue mani liscie , le sue unghie sempre curate , la sua abbronzatura così sensuale , che mi dava la gioia ogni volta che la guardavo …
Ricordo quando cominciava la primavera ed io , lei , la mitica “R.” , insieme all’amico “G.” , il piccolo grande amico che non mi ha mai lasciato , anche se adesso è lontano , passeggiavamo lungo i gioardini della scuola , e il sole riscaldava le nostre parole … Com’era bello sentire quella sensazione di libertà quando vedevi il cielo sopra di te , e l’aria che diventava sempre più calda , e tu che rimanevi solo con la camicia , o con una tuta leggera … Quante parole spese sotto quel cielo meraviglioso , e qaunta tristezza quando dovevamo tornare al buio della classe , come animali in gabbia , come prigionieri in catene , con quella voglia di rimanere ancora fuori …
Ricordo le volte in cui tornavo a scuola il pomeriggio : ci ritrovavamo tutti al campetto , sotto un albero , in aperta campagna (la mia scuola era in aperta campagna , spettacolare ! :-) . Ricordo che quando ormai la scuola stava per finire , ed erano le ultime lezioni , da sotto quell’albero filtrava l’aria calda del sole ormai quasi estivo , alle tre del pomeriggio … Un paio di occhiali da sole , lo zaino a fare da cuscino , e il sole che ti baciava la pelle , aspettando che cominciasse la lezione … Una specie di “solarium improvvisato” , se lo si può chiamare così , con i nostri pensieri , le nostre voci , le nostre risate a far da cornice a quelle magnifiche scene di un sogno che rimarrà impresso nella memoria , e forse mai più ritornerà …
Mi ricordo un giorno (era il 21 Marzo , non posso dimenticarlo) in cui ci ritrovammo con una giornata meravigliosa e con poche persone , visto che si entrava a seconda ora … Era previsto un compito in classe … Eravamo un gruppo molto unito : praticamente non avevamo nessuna voglia di entrare … Iniziammo col dire “mah , magari andiamo tutti al bar qui vicino” . Ci recammo ppochi passi più in là , a degustare di tutto e di più … Ma era arrivata l’ora di entrare , e ancora c’era titubanza … La decisione fu unanime , o quasi : “ragazzi , andiamocene a casa , và” :-)
Se non ci fosse stato quel cielo così azzurro , quel sole a darci la forza , quello spettacolo meraviglioso , forse , quel giorno non sarebbe certo andata così !
Era il tempo in cui il grande amore cominciava ad abbracciarmi : ormai ero diventato grande , e ricordo le passeggiate a ricreazione passate al telefono con la mia ex , a raccontarci di tutto e di più , a parlare dle nostro amore , che univa i nostri cuori in un tempo senza fine …
Mi ricordo le volte in cui , al mattino , la lezione non era ancora iniziata , e mentre lei scendeva da casa per recarsi al lavoro , mi telefonava per stare un pò insieme a me … Mi ricordo le volte in cui , al telefono , le descrivevo il meraviglioso paesaggio intorno a me , e senza pensarci su le dicevo “se anche tu potessi vedere questo cielo azzurro” … Poi arrivava la ricreazione , e avevamo modo di stare ancora un pò insieme , così come alla fine della lezione : ormai sapeva quasi con precisione matematica l’esatto istante in cui finiva la mia lezione , e regolarmente il momento in cui mi chiamava per stare un pò insieme …
Poi arrivò l’era del videofonino , ed era spettacolare poterle mostrare quelle scene meravigliose , e viverle in sintonia , insieme …
Quello stesso cielo azzurro ha fatto poi da cornice alle emozioni vere del nostro ex amore : un estate trascorsa sotto un cielo perfetto , senza una nuvola e senza un pensiero …
… E sempre sotto quello stesso ciuelo si è consumato l’addio a quelle emozioni , l’addio a quell’amore , in una giornata d’estate illuminata da quel cielo dipinto …
Nel bene o nel male , quelle sensazioni , quella “sintonia con la natura” mi ha accompagnato stringendomi la mano lungo il tempo che ho vissuto …

… Come le mie emozioni , che adesso si tingono di quello stesso color del cielo …

13 Commenti

  1. E passo subito a trovarti…
    Hai ragione, è davvero preoccupante se già tutto fiorisce…ricordo che i mandorli un tempo fiorivano verso aprile-maggio ed io rimanevo sempre estasiata dal colore bianco intenso di quei rami…
    Buona giornata

    ps: tanto per cambiare, a Dublino piove e spira una brezza leggera, ma insistente!

  2. ne parlavo proprio ieri sera col mio ragazzo mentre tornavamo a casa da una cena, eralo le 22.30 e fuori c’erano 10 gradi…… ho detto: ma cacchio, siamo in inverni, dovrebbe essere FREDDO, non ci dovrebbero essere 10 gradi, di questo passo gli alberi cominceranno a fiorire, e il freddo arriverà in primavera, così i fiori…. sfioriranno….. GRRRRRR VOGLIO IL FREDDO!!!!!!!!!!

    eheh buona settimana….. e speriamo che sia freddissima.

  3. Anche io mi sono ritrovata in questi giorni a pensare al cambiamenti climatici che si stanno verificando in questo “nostro mondo”.
    La fonte dei miei pensieri non è stato il vedere i mandorli in fiore, ma il serivizio del tg5 che ha mostrato una mamma orsa con i suoi piccoli a passeggio sulla neve….
    Immagine bellissima se non si sapesse che in questo periodo di solito gli orsi cadono in letargo!!!!!!!!
    E’ pazzesco, fa così caldo che nemmeno gli animali sentono la necessità di ripararsi dal freddo… e se penso che quando ero piccola, su quelle montagne dove oggi si possono trovare ancora le violette, c’erano mura di neve, mi viene da piangere… ma dove andremo a finire di questo passo?!?!?!?!?!?!?

    p.s. Sono passata anche per lasciarti un salutino veloce, ho problemi con il pc e non so quando potrò tornare, spero presto!!
    * * * nottenotte * * *

  4. Hai veramente dei ricordi meravigliosi legati alla primavera…
    Comunque hai ragione sui problemi climatici. Quest’anno il grano (abito in Pianura Padana) è già altissimo (non proprio 20 cm, ma poco ci manca)e mio padre mi ha spiegato che questo non è affatto una buona cosa per il raccolto. Chissà dove andremo a finire…

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!