Sexy Shop : altro che crisi !

Se c’è un mercato che , sembra , non risentire "moltissimo" della crisi che affligge l’Italia , è sicuramente quello dei "Sexy Shop".
Proprio oggi leggevo su E Polis un’articolo riguardante questo simpatico "settore" , riservato a chi è stanco della routine , o a chi cerca una "emozione in più" nel rapporto di coppia .
Partiamo subito col dire che la Sicilia è la regione dove , in assoluto , si usa di meno il Viagra , e lo sottolineo ad uso e consumo delle donne che non credo alla proverbiale virilità Sicula , famosa in ogni parte del Mondo : proprio in quest’ottica , infatti , i Sexy Shop risentono meno della crisi .
Le consumatrici abituali , colpo di scena , sembrano essere principalmente le donne : a Palermo , ad esempio , i due principali negozi del "settore" sembrano essere molto frequentati , sopratutto (principalmente) dalle donne .
Cade quindi il primo luogo comune , della donna "pudica" che non parla mai di certi argomenti , che quasi prova disgusto nell’affrontare l’argomento stesso … Solo all’apparenza .
Paradossale , in questo senso , è la storia di una quarantenne che , stanca del marito pigro che le nega i doveri coniugali , si reca in negozio per acquistare un … Ehm … Vabbè … di 30 centimetri per provare da sola le sensazioni che il marito le nega !
Ma torniamo alla clientela di questi singolari "supermarket del piacere" : le donne , infatti , sembrano avere le idee molto chiare su cosa volere , senza girarci intorno troppo per le lunghe , e parlare di "lungo" in questo articolo potebbe essere pericoloso :-D . Se , da una parte , acquistano insieme ai compagni o ai mariti , dall’altra sono loro a pagare il conto . Gli uomini sono , sostanzialmente , più timidi , e concepiscono l’acquisto come un modo per spaccare la routine , per non annoiarsi con la consuetudine , non certo come un’aiuto a far provare maggiore piacere !
Lungi dal pensare questo ! Gli uomini Siciliani , di certo , non hanno bisogno di strani aggeggi elettronici o "cosi" finti per la propria donna : la riprova è proprio che sono le donne ad acquistare di più !
Un luogo comune che invece viene confermato è quello dell’ "ipocrisia causa vergogna" : la donna , infatti , tende fin da subito a sottolineare che è un regalo per un’amica , non certo per uso personale ! … Sarà vero ?
Non andando troppo nello specifico degli oggetti che vengono venduti
, anche perchè , credo , che l’attento lettore ci arrivi benissimo da solo , un’altra simpatica riflessione che possiamo fare è quella relativa agli amanti che , durante il weekend , ne approfittano per una scappatella cornificatrice con uno stimolo … In più !

Sembra , quindi , che la crisi non si faccia sentire nel mercato dell’Eros : la spesa media mensile , per cliente , è di circa 300 Euro ! Altro che crisi …

P.S. Se siete curiosi di sapere cosa va forte per ora , sappiate che spopola il costume da Jessica Rabbit !

 

20 Commenti

  1. le donne pudiche? quando mai! leggenda metropolitana, trovati cinque minuti in un circoletto di donne che parlano e scappi via a gambe levate ;) sai qual’è il vero motivo dell’acquisto? che spesso le donne fingono orgasmi e non sanno apertamente dire agli uomini come e in che modo potrebbero essere meglio soddisfatte sessualmente, con il vibratore ad esempio questo non succede, mai un “rapporto” non soddisfacente ;). Se dobbiamo proprio comprarlo però non prendiamolo dai cinesi e stiamo attente al materiale in cui sono fatti, va bene che non è semplice stare lì a guardare l’etichetta :) però la maggior parte in commercio sono cancerogeni! ne sono stati sequestrati un bel po’ ultimamente. Forse è meglio parlare con il proprio partner ;)

  2. Ma soprattutto attente a non esagerare con le misure, la tentazione e’ forte, dopo il ritorno alle misure del partner, seppur normodotato, diventa traumatico, avete presente l’effetto battacchio della campana ? ;-)

  3. caro Giomba dai retta a Serranus che segue le mie “lezioni di sesso”, a parte questo vergognoso spam… da ciò che scrivi emerge uno strano labirinto sulla sessualità dei siciliani, trovo i tuoi concetti interessanti ma forse un pochino intrecciati a forza… che dici???

  4. il fatto che siano le donne ad acquistare questo genere di cose e non gli uomini per loro, non è la riprova che “gli uomini non hanno bisogno di queste cose la per la loro donna”, bensì è LA RIPROVA CHE SPESSO GLI UOMINI NON SODDISFANO LA PROPRIA DONNA MA HANNO LA PRESUNZIONE DI PENSARE IL CONTRARIO.

    In più, e qui concludo, non è vero che le donne ‘si scandalizzano a parlare di questi argomenti’,sono gli uomini a scandalizzarsi a sentirle parlare di ciò.e, permettimi di dirlo, tu con questo post ne sei l’esempio lampante!

  5. Il commento “femminista” mi mancava , e me lo aspettavo :-D

    Ho usato un certo tono in questo post perchè lo leggono in tanti , e non voglio che nessuno si scandalizzi !
    Avanti , ora non facciamo gli ipocriti : lo sappiamo benissimo che le donne sembra non pensino mai al sesso (non facciamo , ovviamente , “di tutta l’erba un fascio” ! :-), e regna un certo freno nell’ammettere determinati argomenti , come la masturbazione (non lo volevo dire , ma rischiavo di non essere chiaro se non lo dicevo ! Rischiavo che non si capisse ciò di cui parlavo !) .

    Ora , non facciamo gli schizzinosi o facciamo demagogia ! :-D

  6. Noto con dispiacere ancora molta ipocrisia e maschilismo malcelato. Io sono un cliente dei sexy-shop, dove acquisto certi “giochi” dopo averne parlato con la moglie. Perchè lo facciamo? Perchè dopo 15 anni, un po’ di pepe non guasta!! L’importante è condividere certe cose, ben sapendo che nessun “coso” potrà sostituire un uomo (per le donne), e che nn dobbiamo mettersi in competizione con il “coso” (…e questo vale per i maschietti). Trovato il giusto equilibrio, garantisco che è piacevole… per entrambi questa condivisione. Così, semplicemente. Ma per favore nn tiriamo fuori la virilità o altre ipocrisie di bassa lega. Il segreto è avere moooolta intimità con la/il partner… il resto vien da sè. Saluti

Scrivi un commento