Si piange in silenzio

Si piange in silenzio

Si piange in silenzio, perché, forse, le altre persone non capirebbero il senso delle lacrime, ma sopratutto per imparare a confortarsi da se…

Si piange in silenzio, e certe volte neppure te ne rendi conto: guardi fuori, con lo sguardo e la mente persi a chissà che cosa, e piangi. Piangi e cerchi di capire cosa c’è che non va: cerchi di capire cosa ti abbia portato a piangere, cosa ti faccia soffrire, cosa ti faccia penare e pensare, e nel frattempo piangi, e gli occhi si appannano, e le lacrime bagnano il pavimento e la stoffa del divano, e disegnano cerchi frastagliati sui pantaloni.

Nessuno se ne accorge, e tu ne sei consapevole, come sei consapevole che quasi nessuno si prende la briga di asciugarti le lacrime: in fondo, perché dovrebbe… Non è nemmeno un suo compito: entrerebbero in gioco tante dinamiche, compresa l’empatia, la vicinanza, l’ascolto, il silenzio senza dire qualcosa, ma tu resti nel tuo spazio infinito, nel tuo angolo di silenzio, fatto dai tuoi pensieri, fatto di parole che avresti voluto dire e ti sono rimaste strozzate nella gola, e tutto questo non può che far male, che farti male, e non puoi fare altro – in determinati momenti – che restare li, a piangere e sfogarti, sperando che passi, anche se lo sai, in fondo, che non passa, e che dovresti trovare un modo per non versare più una lacrima… Ma, ad un certo punto, finisci con il fregartene totalmente, anche perché nessuno se ne accorge e a nessuno devi fare conto e ragione del tuo dolore, tranne che a te stesso.

E nel frattempo le persone passano come le giornate e le ore, che si susseguono, vanno avanti, ed i giorni diventano sere e notti. E tu resti affacciato alla tua finestra, sperando che un cambiamento, un vero cambiamento, arrivi…

2 Commenti

  1. Non mi separo e non vado a vivere da solo in un monolocale in affitto proprio per la paura di finire come descrivi in questo bellissimo ma triste articolo.

    • Malissimo… Molto male! Che vita vivi così?
      Ti parla una persona che ne ha passate, e neppure poche… Ma credimi, se non cambi, se non decidi di dare una svolta, porca vacca, resterai infelice per sempre!

      Non ti conviene caro amico. Ci saranno tanti momenti di dolore, di silenzio e di lacrime che non vede nessuno, ma essere felici è un prezzo impagabile rispetto al restare imprigionato in una vita che non ci appartiene e non ci rende neppure un po felici di viverla!

Scrivi un commento