Si sopravvive, nonostante tutto, nonostante tutti

Si sopravvive nonostante tutto nonostante tutti

Si sopravvive, nonostante i dolori che ci sembrano insormontabili, nonostante le paure che riteniamo assurde: si sopravvive ugualmente!

Si sopravvive, nonostante tutto, nonostante tutti: nonostante tutte le paure che ci sembrano non poter essere superabili, nonostante le tante difficoltà e i dolori che la vita ci propone, nonostante tutto quello che ci appare impossibile, ma che impossibile non è.

Di certo non è facile, e nessuno dice il contrario, ma si può, serenamente, star certi del fatto che si può andare avanti, che si può fare tanto, nonostante quelle volte in cui tutto ci appare irrimediabilmente perso o irrecuperabile: ci saranno, sicuramente, momenti di grande sconforto e profonda solitudine, momenti in cui si cercherà – senza mai poterlo trovare – un senso ed un significato a tutto quel dolore, a tutta quella grande bolla di silenzio che si è creato intorno, e si vivranno momenti che sembrano infiniti, come le domeniche d’estate da soli, i pomeriggi eterni ed assolati, senza un’anima viva intorno, senza qualcuno con cui poter chiacchierare, senza nessuno tranne noi stessi, a piangere lungo i marciapiedi senza che nessuno si accorga di noi, perché l’unica cosa che resta, che vive, è un gigantesco silenzio, attorniato dalla totale indifferenza e spensieratezza di un mondo che non ha tempo di ascoltare le tue storie, il tuo dolore, il tuo dispiacere.

Fa male, malissimo, ma si sopravvive, come si sopravvive ai giorni, alle settimane, ai mesi, alle stagioni, agli anni: si sopravvive senza nessun tipo di problema a tutto questo, anche se per migliaia di volte avremo voglia di andarcene verso un posto che neppure noi conosciamo, anche se diverremo, senza accorgercene, aridi come pietre, come rami secchi, e le lacrime diverranno sabbia inerte sul nostro volto, ma si sopravvive.

Fa male, e nessuno dovrebbe mai passare da una simile “forca caudina”, ma bisogna guardarla da una nuova prospettiva: la prospettiva della CRESCITA.

Scrivi un commento