Silenzi di un mattino

Apro la finestra .
Il mattino non ha ancora svegliato la città , mentre il primo timido raggio spunta dalla montagna , e corre nello spazio circostante , colorando d’arancio il cielo , mentre le nuvole sembrano batuffoli di cotone rosa .
L’aria è fresca come fosse ghiaccio , e in lontananza le auto sfrecciano con i fanali accesi .
Qualcuno cammina chiuso in un giaccone pesante , e un gatto scivola furtivo lungo il giardinetto , poi si ferma ad una pozzanghera , bevendo quel liquido così fresco dall’aria della notte .
Poco distante , su un ramo si posa un pettirosso e sembra guardare lontano , poi scappa via insieme ad uno stormo di altri piccoli uccellini , che sembrano disegnare nell’aria strane figure , mentre volteggiano con le loro minute ali nel primo sole che rende azzurro questo cielo limpido e fresco , vuoto e malinconico , allegro e silenzioso , immenso e desolato .
La città comincia pian piano a svegliarsi : si alzano le serrande , le donne cominciano le pulizie , le auto diventano sempre di più e le saracinesche si alzano : donne e uomini cominciano un’altra dura giornata di lavoro .
Una ragazza si ferma dentro un’auto , abbassa il volume della sua radio e sembra rimanere senza parole di fronte a una mattina senza nuvole e pensieri …

6 Commenti

  1. Waaaaaaaaa!!!! E’ bellissimo!!!! Veramente!!!!! Se passi da me c’è una sorpresa!!!! Bello il tuo post e bella anche la testata!!!! Un bacio!!!! Anche Grande Padre Bianco (mio padre) e Piccola Madre Perla (mia madre) hanno detto che è bellissimo e soprattutto pieno di luce però ora devo mattere una musica più allegra perchè molti amici mi hanno detto che si sono commossi con la Thais!!! Mandi mandi

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!