Società, ci svegliamo troppo presto: la salute ne risente

Sono sempre più le voci a favore di un “rallentamento” della nostra società, tacciata di non far riposare abbastanza i suoi componenti. Ecco perché.

Nella nostra società si dorme poco e la salute ne risente: è questo, in buona sostanza, l’assunto base di una polemica sempre maggiore, che parte dagli esperti di riposo e passa da medici e psicologi. Qualcuno minimizza la faccenda, “marchiandola” come “il lamento di persone che non hanno voglia nemmeno di lavorare”, ma la faccenda sembra essere più complicata di come appare.

Qualche mese fa, ad esempio, i ricercatori hanno analizzato le abitudini scolastiche dei giovani, arrivando alla conclusione che gli adolescenti dormono poco e vanno a scuola troppo presto, con conseguenze a dir poco deleterie non soltanto sul loro stato di salute, ma anche sul rendimento scolastico. Proprio a causa della mancanza di sonno, problemi come alcoolismo, depressione e obesità sono dietro l’angolo.

Ma non sono soltanto i giovani ad aver problemi per le poche ore di sonno: nemmeno gli adulti, infatti, si salvano dagli orari “folli” dettati dalla nostra società. Secondo i ricercatori dell’Università di Oxford, ad esempio, iniziare a lavorare presto è una vera “trappola” per chi ha già qualche anno in più, dal momento che i cosiddetti “ritmi circadiani” degli adulti non combaciano con gli orari imposti dalle abitudini della nostra società, e le conseguenze possono anche essere gravi, dal momento che è il cuore a farne le spese per primo!

Secondo gli esperti, quindi, viviamo in una società “privata del sonno”, che dovrebbe prendere maggiormente in considerazione il problema e porvi rimedio quanto prima. Cosa ne pensate? Quali sono le vostre considerazioni in merito? Siete d’accordo con tale affermazione o vi sembra un “problema esagerato”? A voi la parola!

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!