Storie di piccoli cuccioli d'uomo abbandonati"alla ruota" (Bimbi nei cassonetti)


Nemmeno tanto tempo fà , sotto i portoni di conventi e monasteri era situata “la ruota” : i genitori che non volevano un bambino , bussavano al portone , e adagiavano il piccolino in questa “ruota” . Dall’altra parte , la suora o il frate , girava verso di se questo marchingegno e il bambino entrava in questi luoghi per essere curato da frati o suore .
Insomma , un modo come un altro per lasciare in mani migliori un bambino , che forse è nato indesiderato , o che magari avrebbe trovato un futuro troppo incerto se fosse rimasto nelle mani dei genitori .
In molti pensavano che abbandonare un bambino appena nato in questa maniera fosse qualcosa di “crudele” , ma ripensiamoci oggi : è forse meglio vedere le immagini proposte dai TG , in cui i bambini vengono lasciati accanto ai cassonetti , dentro sacchetti di plastica , come spazzatura da buttare via per sempre , lasciati li , a fare i conti con la vita troppo presto .
Tante volte , infatti , penso che se “la ruota” esistesse ancora oggi , forse questi episodi si potrebbero tranquillamente evitare , e i TG non ci farebbero più vedere quelle orrende immagini , raccontando quelle terribili storie di bambini lasciati dentro un cassonetto , appena nati , nudi e posati dentro un sacchetto di palstica , a rischio di soffocare , di morire .
Non so come si possa abbandonare un piccolo cucciolo d’uomo , appena nato , e lasciarlo morire accanto ad un cassonetto , da solo , al freddo , mentre piange di disperazione e paura , e rimane la a guardare l’indifferenza intorno a se .
Quante volte ai TG abbiamo sentito queste storie ? Quante volte siamo rimasti senza parole nel vedere i medici che stringevano tra le braccia un piccolo batuffolino tutto infreddolito ?
Non mi riferisco , ovviamente , ad eventi in particolare , o soltanto a determinate situazioni , ma tento di pnsare come si possa abbandonare il proprio figlio accanto ad un cassonetto e lasciarlo morire di freddo e paura , come si fa a rimanere così , a posare il proprio figlio in mezzo a una strada , appena nato , nella notte ghiacciata , fredda … Come si fa ?
Io non voglio commentare ne giudicare , perchè d’altronde non sono in fondo “nessuno” per poter giudicare , ma tante volte ci penso , e forse , credo che davvero in questa società , in cui i sentimenti , il cuore , la vita , vengono tranquillamente messi da parte per un nonnulla , non ci sia più quel rispetto che prima era essenziale , non esista più l’amore verso il prossimo , il rispetto verso un dono di Dio , verso la vita che genera la vita , verso la continauzione di una specie .
Forse sono cose che vengono date troppo per scontate , ma rimango veramente allibito nel sentire dire certe cose , nel vedere come si possa con tutta tranquillità abbandonare il proprio figlio e lasciarlo morire al ciglio di una strada .
Mi viene da piangere nel vedere come purtroppo , nella società attuale , manchino quei valori che sono “fondamentali” per il rispetto di se stessi e degli altri , per rispetto della vita , per rispetto del dono Divino , che ormai viene dato troppo , troppo per scontato .
La vita è il bene più grande che Dio possa averci mai dato , e credo che trattare così un essere indifeso ed innocente sia davvero una cosa terribile : forse , in questa società indifferente , in cui tutto corre troppo veloce per chi , invece , vorrebbe trovare la calma e la tranquillità dei veri valori , credo che chi ancora riesce a provare un briciolo di “valori puri” venga tagliato fuori , denigrato , e tante volte ciò è successo .
C’è un silenzio intorno a noi , e non ce ne accorgiamo più : le nostre orecchie , ormai , non riescono più a sentire il linguaggio del cuore , e i nostri occhi non riescono più a vedere il bene profondo e sincero .
C’è una solitudine intorno a noi , come tanti burattini , come robot standardizzati , senza anima e senza più un cuore , senza una mente per riflettere e trovare la propria identità .
E’ sconfortante vedere che ognuno di noi è diventato “uno della massa” : NO , NON DEVE ACCADERE QUESTO . Nessuno deve mai rinunciare alla propria identità , perchè ognuno di noi è unico , e anche se si volesse creare un clone di noi stessi , sarebbe solo una fotocopia senza anima , senza cuore , ma con tanto silenzio dentro di se .
Ognuno di noi ha storie da raccontare , vita che passa attraverso gli occhi , la mente ed il cuore , silenzi che intrecciano il tempo , anime che s’incorciano in un tempo senza più dimensione .
Prima , la vita aveva la dimensione del rispetto e dell’amore , e mai si sarebbe immaginto di poter gettare via il proprio figlio come fosse spazzatura . Mai si sarebbe potuta immaginare una cosa del genere .
Ma , per fortuna , il cuore resiste ai cambiamenti del tempo , e i sentimenti veri , il rispetto e il bene profondo non potranno mai essere uccisi , nemmeno dal tempo che passa , nemmeno dal silenzio che circonda il tempo .
Spetta a noi difendere i veri sentimenti , quelli genuini e puliti che vivono in noi , per far si che nesusno possa mai inquinarli con il silenzio , l’indifferenza e l’insofferenza che da troppo tempo ormai circonda il nostro mondo .
Mai nessuno potrà portarci via il vero amore che vive per sempre dentro noi , nei meandri più profondi del cuore e dell’anima , in un posto che ci è segreto anche a noi stessi , e forse è per questo che nemmeno noi sappiamo il luogo dove vive il vero amore dentro di noi , perchè forse , se lo scoprissimo , saremmo capaci di inquinare da soli quella purezza , piccola o grande che sia , che vive dentro noi .

Solo una cosa vorrei dire a tutti i bambini che sono stati abbandonati : di cuore , vorrei rivolgere loro , anche se sono troppo piccoli per leggere queste righe , il mio più grande augurio di buona vita , sperando che possiate trovare in voi il coraggio di non arrendervi mai di fronte ai pugni che incasserete dalla vita .

46 Commenti

  1. Topolino combattivo stamattina! :)
    Però è vero a questo punto meglio affidarli a delle congregazioni religiose come una volta piuttosto che buttarli dentro ad un cassonetto…non molto tempo fà al tg hanno fatto vedere le immagini di un recupero di un sacchetto di plastica dentro ad un fiume si pensava fosse un gatto e invece era una bambina!! Purtroppo non tutti sono così fortunati a salvarsi :(
    E poi se uno non vuole un figlio ci sono tanti modi per non averlo!!

  2. Chissà cosa passa per la mente a quelle persone nel momento in cui abbandonano così il proprio figlio!
    Sai a cosa pensavo?…Vorrei capire una cosa…con che faccia un domani quando magari il bambino è cresciuto ed è quasi un uomo si ritrova davanti a se una donna che gli dice “sono la tua madre naturale”…sono casi successi realmente! Cioè non te n’è fregato nulla di me tra un pò mi fai morire e mi vieni a dire sono tua madre?!? °.O
    Tu che ne pensi?

  3. Purtroppo và di moda e troppo… la maggior parte dei casi, si tratta di gravidanze indesiderate o di gravidanze inattese… la madre, per paura, invece di lasciare il nascituro in posti sicuri, preferisce scaricarli come se fossero spazzatura… speriamo di sentire sempre meno storie del genere…
    Ciao mitico e buona notte!

Scrivi un commento