Tanti inutili sentimenti per rimanere sempre da soli...

Tanti inutili sentimenti per rimanere sempre da soli

Tanti inutili sentimenti per rimanere sempre da soli: anni passati a provare amore vero inutile a tutti ed utile soltanto a lasciarti in solitudine.

Tanti inutili sentimenti per rimanere sempre da soli: non resta niente che non sia schifosamente dolore e consapevolezza di solitudine, ancora più amplificata pensando che quei sentimenti che provi non servono a nessuno, sono solo un meraviglioso vettore per consegnarti alla solita, inaccettabile, solitudine di ogni santo giorno, di questo tempo sempre uguale, che mi ha tolto anche l’ultima speranza di poter trovare qualcuno che quei sentimenti li apprezzi veramente.

E invece no: sensazioni “a pelle” che ti distruggono speranze e discorsi, onde di inutile amore da gettare via con la totale e precisa consapevolezza che non servono, non servono a nessuno, non sono utili a nessuno, consegnandoti a quella invisibilità trasparente che porti appresso da sempre e per sempre, senza distinzioni, senza un cuore che ti ascolti, che provi le stesse cose che provi tu. Niente: per te non è previsto niente di tutto questo.

Credo che sia così che nascono gli stronzi: forse sono soltanto persone che il mondo ha rifiutato, che avevano sentimenti capaci di cambiare il tempo che le persone han preferito gettare in fondo al mare, forse perché troppo importanti, forse perché troppo grossi, forse perché troppo autentici, forse perché troppo importanti ed impegnativi, sopratutto per quelle stesse persone, che, contestualmente, piangono l’assenza di qualcuno che le ami veramente, che, quando esiste, viene immediatamente buttato via, fosse mai che quella persona sia in grado, realmente, di dare quell’amore vero, sincero, concreto, onesto che quelle persone cercano.

Non lamentatevi, poi, se le persone si strappano i sentimenti veri da dosso per diventare stronzi senza pietà: siete voi la colpa dell’indifferenza di certi cuori. Siete voi che dovreste provare il dolore della vergogna e dell’aver distrutto una, dieci, cento volte i cuori di chi avrebbe voluto amarvi davvero.

Scrivi un commento