Tornare ad amare fa paura

Tornare ad amare fa paura

Tornare ad amare è bello, e sicuramente è auspicabile per la maggior parte di noi, eppure, profondamente, fa paura per tutte le sue implicazioni…

Tornare ad amare: in fondo, è una cosa bella, è una cosa meravigliosa se solo ci si pensa… Eppure, fa paura: fa paura perché pensi a tutte le implicazioni del caso, le conseguenze possibili, compresa la possibilità di soffrire un’altra volta, di poter, nuovamente, ritrovarsi con il cuore in frantumi, sebbene è una possibilità che può accadere come, in realtà, potrebbe benissimo non succedere…

Potrebbe, insomma, essere una possibilità da mettere in conto, ma si deve in tutti i modi riuscire a far si che questa possibilità non diventi un blocco per i nostri sentimenti, diventando un limite, un tappo per vivere tante storie nuove, tante nuove possibilità di amarsi e riscoprire il proprio cuore ed i propri sentimenti, pur consapevoli che tutto può accadere, ma altrettanto consapevoli che il bello è esattamente questo!

In fondo, basta semplicemente viverla: basta semplicemente vivere giorno giorno, istante dopo istante, le emozioni che la consuetudine ci regala, qualunque esse siano, e fare in modo che queste emozioni ci traghettino verso la possibilità di concederci all’altro, di amare l’altro, di guardarlo negli occhi, di sorridere, di sperare, di gioire, senza soffermarsi sulla possibilità  – remota o meno che sia – che si possa soffrire ancora una volta. E’ una cosa possibile, è un fatto statisticamente possibile, ma non è certo, ed evitare d’amare solo per paura che possa accadere di tutto, di fatto, è triste e limitante!

E allora, buttiamoci a capofitto nelle storie che si creano e schiudono la loro meraviglia ed il loro tempo a noi: dobbiamo solo provarci, dobbiamo solo viverle ogni giorno con il massimo del nostro impegno e della nostra sincerità. Tutto il resto – qualunque esso sia – verrà poi da se!

Scrivi un commento