Tutorial, cosa fare se il wireless non copre tutta la casa

Abbiamo visto, qualche mese fa, come ampliare il segnale wireless all’interno di casa propria: vediamo, adesso, cosa fare quando il wireless non riesce a coprire l’intera struttura.

Può capitare, specialmente per le case d’epoca, costruite con mura molto spesse, che il segnale wireless copra un’area ben definita e difficilmente “valicabile”: se, peggio ancora, abbiamo bisogno di ampliare il segnale wireless su più piani, le cose si complicano.

Si complicano, è vero, ma noi siamo qui per rendere la vita più facile, altrimenti che senso ha scrivere un tutorial? :mrgreen:

Cominciamo con un ragionamento.
Supponiamo di avere una struttura a tre piani, con un router che fa da access point posto al piano terra: si vorrebbe far si che il segnale wireless del piano terra arrivi fino al terzo piano, ovvero l’ultimo.

Impossibile? Assolutamente no: basta un pò di furbizia e gli attrezzi giusti. 

Al piano terra, è piazzato, in un determinato posto, il router che fa da access point. E fino a qua non ci sono problemi.

Di conseguenza, il primo piano non ha problemi di connessione in quanto, anche se le mura sono molto spesse, potrebbe già ricevere segnale sufficiente per navigare decentemente.

I problemi cominciano ad arrivare al secondo piano: di certo, è molto difficile beccare il segnale del piano terra. Cosa fare allora?

Semplice: andiamo a piazzare un wireless repeater, chiamato anche “ripetitore wireless”, o “estensore di segnale wireless”, o “wireless extender”.

Cosa fa l’estensore di segnale? Come suggerisce il nome, “capta” il segnale di una connessione wireless e lo “rilancia”, aumentandone, di fatto, la “gittata”.

La soluzione è, quindi, quella di comprare un ripetitore di segnale wireless e piazzarlo, più o meno esattamente, nella stessa posizione in cui, in linea d’aria, è posizionato il router: certo, è difficile piazzare il ripetitore esattamente nella stessa posizione, vuoi perchè possono non esserci prese di corrente, vuoi perchè è difficile ricordarsi il punto esatto in cui è posizionato il router a piano terra. Basta regolarsi mentalmente, anche in maniera grossolana.

Ricordate che il ripetitore di segnale va settato mettendosi vicino al router che invia il segnale che il ripetitore dovrà “rilanciare”: questo dettaglio è molto importante per far si che il ripetitore “capti” il segnale da estendere nel migliore dei modi, e configuri il suo apparato nel miglior modo possibile.

Una volta configurato il ripetitore, andiamo a posizionarlo al secondo piano: in questa maniera, non soltanto il secondo piano sarà totalmente “coperto” dal segnale ma, di rimbalzo, ne beneficeranno anche il terzo piano, che riceverà un segnale perfetto, e il primo piano, in cui il segnale diventerà ancora più potente! (se ben ricordate, poco sopra, avevamo ipotizzato che il primo piano ricevesse già una buona “dose” di segnale direttamente dal router, N.D.Giomba)

E se si hanno più di tre piani? E’ presto detto: basta acquistare altri estensori di segnale e, con la stessa tecnica, far “rimbalzare” il segnale tra i vari piani. Ciò che è stato spiegato in quest’esempio per una struttura di tre piani, può tranquillamente essere ripetuto per una struttra di “X” piani acquistando “X” ripetitori che “rimbalzeranno” il segnale di piano in piano!

Questo tutorial è nato da una mia esperienza personale, con un cliente disperato perchè, in azienda, il segnale wireless non riusciva a oltrepassare le mura dell’azienda stessa (costruzione risalente a fine ‘800 e mura spesse oltre 30 cm, N.D.Giomba), creando grosse difficoltà a chi desiderava collegarsi in wireless dai piani superiori. Grazie a questa tecnica, i problemi dell’azienda stessa sono svaniti in meno di mezza giornata!

Come sempre, se qualcosa non vi è stato chiaro (e se così fosse stato, non avete nulla da rimproverarvi: è estremamente difficile confondersi tra le varie procedure! N.D.Giomba), lasciate semplicemente un commento, e troveremo insieme la soluzione al problema!

NOTA: E’ chiaro che, naturalmente, nessun caso è uguale all’altro. Qui vi viene fornita una valida soluzione da utilizzare in caso di difficoltà di ricezione del segnale wireless per infrastrutture molto spesse, ma possono capitare casi in cui nemmeno i ripetitori di segnali sono sufficienti a “bucare” le mura. Dovete essere voi a valutare i singoli casi e agire di conseguenza! Pensateci prima di acquistare il materiale necessario!

4 Commenti

  1. Pingback: upnews.it

    Tutorial, cosa fare se il wireless non copre tutta la casa…

    Abbiamo visto, qualche mese fa, come ampliare il segnale wireless all’interno di casa propria: vediamo, adesso, cosa fare quando il wireless non riesce a coprire l’intera struttura. Può capitare, specialmente per le case d’epoca, costruite con mura …

  2. Pingback: diggita.it

    Tutorial, cosa fare se il wireless non copre tutta la casa…

    Abbiamo visto, qualche mese fa, come ampliare il segnale wireless all’interno di casa propria: vediamo, adesso, cosa fare quando il wireless non riesce a coprire l’intera struttura. Può capitare, specialmente per le case d’epoca, costruite con mura …

  3. Pingback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

    Questo articolo è stato segnalato su ZicZac.it….

    Abbiamo visto, qualche mese fa, come ampliare il segnale wireless all’interno di casa propria: vediamo, adesso, cosa fare quando il wireless non riesce a coprire l’intera struttura. Può capitare, specialmente per le case d’epoca, costruite con mura …

  4. Pingback: notizie flash

    Tutorial, cosa fare se il wireless non copre tutta la casa…

    Abbiamo visto, qualche mese fa, come ampliare il segnale wireless all’interno di casa propria: vediamo, adesso, cosa fare quando il wireless non riesce a coprire l’intera struttura. Può capitare, sp……

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU INSTAGRAM: Scopri i reel, le dirette e tantissimi contenuti esclusivi! CLICCA QUI!