Un difetto fisico vale più dell'intelligenza del singolo

Un difetto fisico vale più dell'intelligenza del singolo

Un difetto fisico vale più dell’intelligenza del singolo: fa male dover giungere ad una così triste conclusione, ma è la mera e sconfortante verità…

Un difetto fisico vale più dell’intelligenza del singolo: quella morbosa necessità di comprendere, di capire perché una persona abbia un determinato difetto fisico, cosa glielo abbia provocato, cosa abbia che non vada, mentre l’intelligenza del singolo passa, progressivamente, in secondo piano, e tutto questo accade perché – si – quella persona ha un difetto fisico, e questo mette tanti (troppi) nell’autocondizione di poter deliberatamente chiedere ed investigare sul perché di quella problematica, senza nemmeno cercare di rendersi conto che, forse, certe domande sarebbe più opportuno evitarle…

…Che poi mi chiedo: ma qual’è il vostro guadagno? Quale informazione in più ottenete quando cercate di investigare i perché di una determinata persona, quando cercate di comprendere come sia potuto accadere, e, intanto, mascherate la vostra pruriginosa ricerca di motivazioni adducendo puerili e squallide frasi come “si, ma io lo faccio per te! Non capisci che…? Ma come fai a non renderti conto che…? Ma non vedi che, alla tua età, questo difetto fisico può danneggiarti?”

Ed io, ancora una volta, vi ripeto: cosa cambia a voi? Credete davvero che un difetto fisico in una persona comprometta la sua intelligenza, le sue capacitò professionali, le sue skill, il suo curriculum? Ma veramente non vi rendete conto di quanto tutto questo sia maledettamente ed atrocemente inopportuno, come il vostro deludente cercare motivazioni a tutti i costi?

Non riesco a non pensare che tutto questo non entri nella testa di tanta gente: è assurdo pensare che nessuno si renda conto di quanto faccia male tutto questo. Sarà, forse, perché nessuno di costoro ha provato il male che certe domande fanno? O forse sarà che no si rendono conto di quanto l’inopportunità di certe frasi faccia rima con maleducazione?

Scrivi un commento