Critica televisiva a cura del Giomba : La Corrida


Giunta alla ventesima edizione (televisiva) , “La Corrida” , il programma lanciato alla radio dal grande Corrado , ha esordito ieri sera su Canale 5 con l’edizione 2006 .

Vent’anni in TV e non li dimostra : il programma condotto da Gerry Scotti (nella foto) non risente assolutamente del passare del tempo , e , anzi , sembra una trasmissione del tutto nuova , che viene seguita con lo stesso entusiasmo di sempre dagli spettatori .

La puntata comincia in un tripudio di coloratissimi costumi , con il corpo di ballo della Corrida che balla sulle note della nuova sigla .
La puntata inizia , e salta subito all’occhio la novità di quest’anno : Michela Coppa , letterina di Passaparola , è la nuova valletta di quest’anno , che prende il posto di Elisa Triani , e di Vincenza Cacace , prima delle vallette della nuova edizione della Corrida .
Intanto , giunge sul palco la simpaticissima valletta del pubblico , e salta all’occhio l'”allargarsi” della Orchestra del Maestro Roberto Pregadio , colui che fin dalla prima puntata storica del programma ha affiancato i “dilettanti allo sbaraglio” .
Dopo il giuramento dei concorrenti , e la novità del “giuramento cantato” da Michela Coppa per il pubblico , comincia la puntata , mentre sfilano i simpatici e bravissimi concorrenti .

Alla fine delle esibizioni , ottimo il connubbio tra l’Orchestra e il Corpo di ballo , quest’anno ispirato ai grandi del cinema , che nella prima puntata ha messo in scena un emozionante pensiero su Charlie Chaplin , devo dire davvero molto azzecato , sia nella parte “musicale” , che in quella del balletto , che ha davvero saputo donare un intensa emozione .

Il nuovo gioco di quest’anno , che coinvolge il pubblico in studio e quello a casa è “Ma che ci avrà di strano” : bisogna indovinare la stranezza di una persona del tutto normale , almeno all’apparenza .

Insomma , la Corrida è uno di quei programmi “storici” , che al pari di altri , come Striscia la Notizia , ad esempio , non risente del passare del tempo . Nonostante il format , la regola , sia sempre la stessa , il programma sembra essere sempre nuovo , viene seguito con lo stesso entusiasmo della prima puntata .

Chissà qual’è il segreto della Corrida : forse la spontaneità del programma , o il fatto che il programma sia semplice , non abbia “grandi pretese” , non metta in palio premi miliardari , ma serva solo a far divertire il pubblico e , magari , far scoprire dei veri e propri “talenti nascosti” , che vivono nei panni della gente comune , di coloro che ogni giorno lavorano .
Gerry Scotti , nella puntata di ieri , ha detto qualcosa che forse riassume in pieno lo spirito e forse il segreto del programma : “la gente non si aspetta che partecipando a questo programma la propria vita cambi” , ed è proprio questo che fa della Corrida un grande programma , eccellente , che non stanca mai .

Insomma , penso proprio che il programma possa tranquillamente meritarsi un 10 per lo spirito e le emozioni che sa regalare .

Speriamo che La Corrida continui sempre ad essere quella che è , senza cambiare , perchè è forse uno dei pochi programmi che ancora possono “combattere” la TV spazzatura che purtroppo ci viene propinata , e che fa calare drasticamente il livello delle programmazioni televisive .

Il Giomba
15/01/2006

20 Commenti

  1. X Diana
    Oddio dipende dai punti di vista se è inizia come è finita l’altra lasciamo perdere!!!!
    Scusa non voglio entrare nei fatti tuoi ma perchè dici che non è una buona giornata?!? :((

Scrivi un commento