Non torna il tempo, non tornano le emozioni

Non torna il tempo non tornano le emozioni

Non torna il tempo, non tornano le emozioni: no c’è altro da aggiungere ne da giustificare. E’, semplicemente, così che funziona la vita…

Non torna il tempo, non tornano le emozioni, anche quelle volte in cui hai cercato, disperatamente, di trovare un modo per farcela, anche quando ti sei illuso che tutto questo non fosse vero, ma non hai potuto fare altro che constatare quanto tutto questo fosse maledettamente reale, maledettamente concreto nella sua fermezza.

In fondo, per troppo tempo ho sperato che il tempo si riavvolgesse, che mille sensazioni che credevo essere bellissime e perfette tornassero a colorare la mia vita, e l’unica cosa che ho ottenuto è stato illudermi e soffrire, di una sofferenza talmente atroce, talmente insensata, talmente tale che non sono mai venuto a capo di quel dolore che io stesso provavo, e più m’illudevo e più stavo male nel vedere che non cambiava nulla di tutto ciò che avevo sperato fino a quel preciso istante…

…Alla fine, quindi, cosa mi è rimasto? Cosa posso dire essermi rimasto di quelle sensazioni, di quei momenti, delle sere trascorse in auto, in mezzo al traffico, con la radio accesa, ascoltando le voci del mondo e del tempo, raccontando speranze, cercando soluzioni, cercando di credere che domani sarebbe stato perfetto? Non so cosa mi sia rimasto: molto probabilmente nulla, e quel poco che ne è rimasto è tinto di un gigantesco vuoto che ha distrutto e sfilacciato ogni speranza di poter recuperare un minimo di quelle emozioni: quel che so per certo è che nessuna di quelle emozioni è mai più tornata. Nessuna, completamente: è rimasto solo tanto dolore e tante speranze che si sono dissolte nell’aria, come i palloncini fuggiti dalle mani dei bambini, che scompaiono verso l’orizzonte…

…Esattamente come quelle emozioni che ho rincorso, e che sono sparite nel vuoto di questa vita…

Scrivi un commento