"TV Libere" : ecco la parolina magica !


Sempre a proposito del mio carissimo corso di studi Universitario ,
dopo Paperissima , ieri sera su Canale 5 , ho seguito una interessantissima puntata di Matrix , il programma condotto da Enrico Mentana , che ieri sera parlava di “TV Libere” .
Trent’anni fà , infatti , nasceva una vera e propria rivoluzione nel panorama televisivo nazionale : nascevano le prime TV private , TV locali . Il Monopolio televisivo cessava di esistere .
Nascevano così le varie Telemilano , divenuta poi Canale 58 , dal nome del suo canale di emissione ,che divenne infine quella che tutti noi conosciamo con il nome di Canale 5 .
Ecco : proprio in queste piccole TV dal bacino di utenza molto molto ristretto , iniziavano a muovere i primi passi i vari Boldi , Teocoli , Panariello , Pieraccioni , Benigni , Chiambretti , ma sopratutto , queste TV erano “banco di prova” per autori e registi che adesso tutti noi conosciamo , come Beppe Recchia , regista di varie trasmissioni Mediaset , sopratutto con Paolo Bonolis , oppure ancora i vari Zuzzurro e Gaspare o Gino e Michele .
E questo soltanto per citare alcuni nomi !
Mi è piaciuta la testimonianza di Carlo Conti , ospite ieri nella trasmissione di Mentana : sono rimasto basito , e un pò sorridente , nel sentire che , addirittura , in studio si usavano le scenografie messe al contrario di un altra trasmissione che andava in onda poco prima !!! :-)

Cosa accadeva in quegli anni ?
Con la liberalizzazione del panorama televisivo italiano , e quindi la succesiva liberalizzazione delle frequenze di emissione televisiva , anche i privati potevano affacciarsi al mirabolante mondo della TV .
Uno su tutti , ovviamente , che ha saputo creare LA concorrenza alla TV di Stato : parlo ovviamente di Silvio Berlusconi , un imprenditore oggettivamente intelligente e caparbio , che ha saputo costruire dal niente un vero e proprio impero , tanto da mutare la situazione originale di monopolio in un “duopolio” .
Ovviamente , più gli anni passavano , più le frequenze si occupavano . Perciò si ritenne necessario creare una legge che “regolamentasse” in qualche modo l’assegnazione delle frequenze televisive , che comunque erano gestite dallo Stato , visto che l’etere era una “cosa pubblica” . Si decise così che non si potevano possedere più di tre frequenze televisive .
Ovviamente non andiamo ad impelagarci nel fatto che , automaticamente , una emittente Mediaset , Rete 4 , doveva apssare sul satellite , e della polemica su Europa 7 , che nonostante tutte le concessioni non viene messa in condizioni di trasmettere (se ne volete sapere di più , cliccate su http://it.wikipedia.org/wiki/Europa_7) , e non parleremo del “Digitale Terrestre” che moltiplica di un sacco di volte le freqeunze libere . Sarebbe troppo complicato e ci porterebbe fuori strada . Facciamo invece un passo indietro .
Cosa significava in termini pratici la creazione di “TV private” o “Tv Commerciali” ? Ovviamente era una nuova esperienza assolutamente positiva per chi voleva farsi pubblicità . Una vera e propria fortuna !
Fu proprio in queste piccole TV locali (o , per ricalcare una simpaticissima battuta di Enrico Mentana a Matrix , ” TV Monolocali” , per indicare la “scarsezza di mezzi” delle prime TV del periodo) che muovevano i primi passi i personaggi che tutti noi siamo abituati a vedere adesso accendendo la TV . Era la fine del monopolio televisivo , e l’inizio di una nuova era !

E per quanto mi riguarda ?
La mia passione per la TV la conoscete bene : chi mi legge fin dai primi giorni del mio blog , sa che mi sono sempre dilettato nell’essere un piccolo grande “critico televisivo” , una voce piccola piccola , qualche volta ascoltata e premiata , è vero .
Ecco , proprio questa mia passione mi ha portato a seguire un corso di studi mirato , che è la realizzazione dei miei sogni !
Il mio grande sogno è sempre stato quello di lavorare in una radio privata o in una TV (anzi , se qualcuno è interessato ad una trasmissione radiofonica con “Il Giomba” contattatemi – cosa non si fa per i propri sogni !!! :-))) . Tantissime persone mi dicono : “Daniele , ma tu sei perfetto per la radio ! Hai una voce che nell’etere potrebbe viaggiare bene , sai parlare bene , e con la tua “parlantina” spiccata , saresti davvero perfetto per condurre una trasmissione radiofonica !”
Chissà che non abbiano ragione : in effetti io mi ci vedrei bene a condurre una bella trasmissione radiofonica , oppure alla conduzione di un TG locale , o ancora come presentatore ! :-)
Dite che non è facile ? Dite che è un sogno ? Sono convinto che con spirito di buona volontà i sogni si avverano decisamente !!!

8 Commenti

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!