Come non farsi prendere, a volte, dallo sconforto e dall'ansia...

Come non farsi prendere a volte dallo sconforto e dall ansia

Come non farsi prendere, a volte, dallo sconforto e dall’ansia… Non è semplice, non è affatto semplice: certe volte resti imbambolato di fronte ai tuoi pensieri…

Come non farsi prendere, a volte, dallo sconforto e dall’ansia… Non lo so, non è semplice, non è immediato, anche se è auspicabile. A volte, resti imbambolato, fermo davanti alla grandezza dei tuoi pensieri e delle tue parole, all’incertezza del domani specialmente in un periodo così brutto e difficile come quello che stiamo passando, in cui regna paura, ansia, diffidenza verso il prossimo, in cui qualsiasi tua azione potrebbe, potenzialmente, avere effetti deleteri o mortali, in cui non sai mai se stai facendo la cosa corretta nel modo corretto, in cui, in linea generale, si ha veramente paura di tutto…

E’ un momento davvero non semplice per tutti, in cui c’è una paura costante, indescrivibile, soprattutto di fronte a situazioni che sono veramente più grandi di noi, veramente immense nella loro pericolosità, nel loro non sapere se e dove ci porteranno, nel non farci capire cosa potrà esserne di noi, e tutto questo, nostro malgrado, ci porta ad affossarci con l’ansia, con la paura, con il dolore, con l’incertezza, e queste ansie si affollano nella nostra mente, ci divorano, ci urlano la loro presenza.

E’ davvero difficile, forse impossibile (o forse no) non farsi attanagliare dalle paure: certo, nel nostro piccolo siamo assolutamente consapevoli che possiamo e dobbiamo stare attenti attuando tutto quello che è in nostro possesso fare, compreso fare, prima di tutto, attenzione, sempre, comunque, limitando, purtroppo, la socialità, gli incontri, mantenendo le distanze sociali, lavando le mani, non portandole agli occhi, al naso, alla bocca. Ma è proprio in tutte queste preoccupazioni che, forse, nasce e si annida quest’ansia.

E’ davvero complicato, in questo momento, non farsi attanagliare da tutto questo…

Scrivi un commento