Dichiarazione dei redditi online : siete favorevoli o contrari ?

Ha destato non poche polemiche la pubblicazione online della Dichiarazione dei Redditi 2005 sul sito dell’Agenzia delle Entrate , le cui pagine contenenti i dati degli italiani sono state subito messe offline dal Garante della Privacy . Voi siete d’accordo alla pubblicazione online della Dichiarazione dei Redditi ?
Come sempre , l’opinione pubblica si "spacca" in due : da un lato c’è chi è totalmente contrario in quanto si andrebbe comunque a ledere la privacy dei cittadini , ma da un’altro c’è anche chi è d’accordo per una questione di trasparenza , visto che comunque Internet offre questa possibilità , e quindi è soltanto un modo per sfruttare le potenzialità fornite dal mezzo telematico .
Tra i nomi "eccellenti" che hanno visto pubblicata la propria Dichiarazione dei Redditi non mancano i VIP di cinema e TV : la cosa ha destato molta curiosità anche per "sbirciare" tra le dichiarazioni di amici e vicini di casa , quindi per semplice curiosità , o , se preferite , per ficcare un pò il naso nei fatti altrui !

Voi , siete d’accordo alla pubblicazione online della Dichiarazione dei Redditi ? La considerate una violazione della privacy o un modo per sfruttare le potenzialità della rete rendendo maggiore la trasparenza dei dati ?

Aspetto di sapere cosa ne pensate in merito !

Un bacio dal vostro Giomba !

;-)

DITE LA VOSTRA NEL SONDAGGIO :
FAVOREVOLI O CONTRARI ALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI ONLINE ?
CLIC QUI PER RISPONDERE AL SONDAGGIO !

CLIC QUI PER I RISULTATI

15 Commenti

  1. Mah io non sono daccordo, già si commettono errori sulla carta, figurati dal pc. e poi come sono tutelata?? non sono molto convinta. Buona giornata Nenet

    parola antispam “severo”

    se è in giro nel web lo saluto!!! Mandi

  2. Ciao Giomba,

    non ho avuto nessun problema per il voto, è andato tutto liscio…

    A proposito di dichiarazioni dei redditi, secondo me non c’è niente di male, in fondo in molti altri Paesi è una prassi del tutto accettata. Io non lavoro, però non avrei nessun problema a mettere online il mio reddito se quei soldi li ho guadagnati onestamente e non evado il fisco, non avrei niente da nascondere. Poi c’è la questione della brutta abitudine italiana a non farsi gli affari propri controllando perchè l’erba del vicino è sempre più verde, ma questo ha a che fare con l’invidia ed è tutta un’altra storia…

    Buona giornata :)

  3. Ciao Giomba,

    l’operazione di voto è andata liscia come l’olio, nessun intoppo.

    Io non lavoro, però non avrei nessun problema a rendere pubblica la mia dichiarazione dei redditi se guadagno i soldi in maniera onesta e non evado il fisco. In altri Paesi europei la pubblicazione del reddito di ogni cittadino è una prassi consolidata da tempo. Qui c’è il problema italiano del non farsi i fatti propri, dell’invidia per l’erba del vicino che è sempre più verde, per quello il sito dell’agenzia delle entrate è andato in tilt, ma questa è un’altra storia… In fondo sapere quanto guadagna la velina va bene, invece quanto guadagna il signor Rossi no…

    Buona giornata :)

  4. ====================

    NOTA PER GLI UTENTI

    ====================

    ATTENZIONE : Se , dopo aver lasciato un commento , notate che non è apparso , non reinseritelo ! Aggiornate la pagina cliccando sul tasto AGGIORNA del vostro Browser mentre premete il tasto SHIFT , ovvero quello che trovate sotto CAPS LOCK , sulla vostra tastiera . Cliccate AGGIORNA mentre tenete premuto il tasto , e il vostro commento apparirà ! :-)

  5. sono perfettamente d’accordo, a parte che le dichiarazioni dei redditi sono a disposizione di tutti i cittadini che lo desiderano presso l’ufficio imposte. I contraqri dsono coloro che non vogliono mettersi alla gogna e far vedere che sono degli evasori: “la maggior paarte dei liberi professionisti, dei medici, degli avvocati, degli artigiani, dei commercianti al minuto e all’ingrosso ecc.”. Se un cittadino è a posto con la sua coscenza, non ha nulla da temere, se tutti pagassero le tasse nel modo veritiero, pagheremmo tutti meno. I Lavoratori dipendenti pagano fino all’ultimo centesimo, ma non solo, versano mensilmente con le ritenute nella busta paga, mentre le categorie autonome versano quando fanno la denuncia dei redditi “se la fanno”. Dimostriamo al mondo che il popolo italiano è un popolo civile!

  6. Ciao Gianni .

    Allora : circa il discorso delle Dichiarazioni dei Redditi Online , la principale critica che viene mossa è quella di una vera e propria violazione della privacy , visto che si tratta comunque di dati definiti “sensibili” . Se la mettiamo su questo lato , potrebbe anche starci .

    Il punto è se , effettivamente , la questione della “trasparenza” abbia priorità su quella della privacy , ma pare proprio che la privacy sia , giustamente , più importante ! :-)

    Saluti per te :-)

  7. Chi è onesto non ha certo da vergognarsi per ciò che guadagna! La cosa dà fastidio perchè SVERGOGNA tanti volti noti o importanti…Mi spiego meglio con un esempio: la signora Anna Falchi (mi sembra proprio lei, ma non sono sicura; comunque una donna nota nel mondo dello spettacolo) ha dichiarato 3800,00 euro! Poverina! E noi ricchissimi lavoratori come osiamo lamentarci di fronte a tanta povertà!!!

  8. io x lavoro posso accedere ai redditi ma non ci ho mai guardato(se non mi servivano x lavoro) xchè so benissimo quanti soldi guadagno io e solo quelli putroppo posso spendere!!!!!!!!!!!

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!