Il dispiacere e la consapevolezza del mai

Il dispiacere e la consapevolezza del mai

Si giunge ad un certo punto della vita in cui si prova, sicuramente, umano “dispiacere”, ma ci si convince che mai ci potrà essere un cambiamento…

Si può sicuramente provar dispiacere ed umana pena, ma bisogna essere consapevoli: giunge, nella vita, un preciso istante in cui impari a conoscere bene le persone, scopri come sono fatte, scopri quali sono i loro caratteri salienti, i loro connotati, e non puoi far altro che provare una grande, enorme, gigantesca pena, un umano dispiacere verso chi, purtroppo, sai che non potrà mai cambiare.

Fa male, sopratutto quando ti accorgi che vorresti salvare qualcuno, vorresti salvarlo dal baratro del suo farsi terra bruciata, forse inconsapevolmente o forse no, ma non puoi fare assolutamente nulla se non provare dolore e dispiacere, umanamente vicino, in qualche modo, a chi sai che non potrà mai cambiare, anche perché, come dicevano gli antichi, “a lavar a test o ciucc si perd tempo e sapone!”

Fa male, fa molto male, ma la vita, talvolta, ci mette in situazioni tali per cui non ci sia nulla di sensato che possiamo fare: vediamo persone distruggersi un pezzo per volta, le vediamo disgregarsi, le vediamo vittime dei loro stessi deliri di onnipotenza, come se fossero realmente in grado di conquistare il mondo, come se fossero persone in grado di vivere da sole, senza dipendere, in alcun modo, dai sentimenti, dall’amore vero, senza riconoscere chi avrebbe potuto, realmente, segnare per loro un “porto sicuro”, dove potersi sempre ritrovare, dove poter sempre attraccare senza mai la paura di ritrovarsi tra le onde in mare aperto. E invece no: resta solo l’immagine di una disgregazione costante, che altri, forse, non vedono – o preferiscono non vedere – ma che tu osservi, forzatamente (purtroppo), muto, come se fossi affacciato ad un balcone con degli enormi vetri che bloccano la voce a chi sta dall’altra parte.

E’ triste, ma, talvolta, la gente ci pone in una sola condizione: arrenderci e lasciarli andare alla loro distruzione…

Scrivi un commento