Perchè Obama ha vinto

 

 

 

"He can".

Obama trionfa le Presidenziali USA 2008 confermando le previsioni che già da diversi mesi lo davano come vincitore contro Johm McCain . Ma quali sono state le dinamiche che hanno portato alla sua vittoria ?

Se ne è parlato diverse votle in questi mesi e nelle ultime settimane , e tante volte si è sentito parlare di "Voglia di cambiamento" nel popolo Americano .
Effettivamente , c’è prima di tutto la voglia di "svoltare" , e in questo sono stati decisivi gli errori che Bush ha compiuto durante il suo mandato che , di certo , hanno condizionato negativamente l’opinione pubblica .
E poi c’è anche , se vogliamo , un fattore "psicologico" , se così lo possiamo definire : di certo Obama non è lo stereotio di Presidente Americano a cui siamo stati abituati fino ad ora ! Di colore , abbastanza "giovane" e quindi , anche psicologicamente , accolto in maniera sicuramente migliore rispetto al perdente McCain .
Sono d’accordo con quanto ha detto Mughini qualche giorno fà a proposito delle Presidenziali : di certo fà molta differenza avere un presidente di 49 anni contro uno che ha superato la soglia dei 70 anche se oggi avere 70 anni , specialmente in America , che è sicuramente più "open mind" di noi , per certi versi , non è più un fattore così "eclatante" . Ma , sicuramente , la voglia di cambiamento si risente anche in questo , nel bisogno di idee giovani e nuove , innovative . Ecco perchè anche "psicologicamente" Obama era maggiormente favorito in questo senso !
E poi non dimentichiamo che Obama è un’uomo "di colore" , e questo è molto importante anche per quelle etnie che così si sentono parte "integrante" delle scelte politiche della Nazione , che si sentono rappresentati da un’uomo che , per la prima volta nella storia , ha il loro stesso colore della pelle . E questo penso sia da non sottovalutare ! Ovviamente non è una questione "razzista" , ci mancherebbe , ma penso che per un popolo sentirsi "rappresentato" sia cosa non di poco conto !

Insomma : un pò per una campagna elettorale azzecatissima e sicuramente di successo , un pò perchè divenuto lo "stereotipo della positività" , Obama è il nuovo Presidente degli Stati Uniti . E noi gli facciamo tanti auguri !

Edit del Giomba : Guardando i TG mi sono accorto di un’altro punto a favore di Obama , che di certo lo ha portato a stravincere . Obama ha mantenuto un filo diretto anche con i giovani : ha saputo usare alla perfezione Internet , il suo Blog , e i vari servizi di "Social Networking" , da Facebook a MySpace passando per Youtube ! Cosa da non sottovalutare quindi !

12 Commenti

  1. Forse ha vinto perché è abbronzato?! vergognosi i titoli in prima pagina sui nostri quotidiani in riferimento al colore della sua pelle, una grandissima tristezza!

    P.s. Ho scritto un post tratto da un libro sul cervello fetale che nelle prime settimane appare femminile… una cosa interessantissima! Ti aspetto… porta un dolcetto!

  2. Mi fa piacere rispondere in correlazione al tuo post con un estratto del mio:

    Un saluto

    OB-AMA E FA CIO’ CHE VUOI

    Questo titolo è solo un gioco di parole, forse, ma un filo conduttore tra il comandamento agostiniano e Obama c’è.

    Mi spiego. Agostino è santo ma soprattutto filosofo di finissimo intelletto e quel sintetico “ama e fa ciò che vuoi” non assomiglia ad un “volemose bene”, non è la paternale di un fraticello bonaccione e illuso e non è buonismo ante litteram!

    Vuol dire che le azioni umane, constano di apparenza e sostanza: l’apparenza (cioè come l’azione si presenta) è assolutamente secondaria, quello che conta è la sostanza, ciò lo spirito, la volontà, di chi compie il gesto.

    E’ l’intenzione insomma che da sostanza ad un’azione che di per se sarebbe vuota. Ecco quindi che se uno riempie le proprie azioni di rancore, odio, furbizia… non c’è gesto anche apparentemente perfetto che valga nulla e che, anzi, non diventi peccaminoso (non tanto in senso morale, ma nel senso dell’onestà intellettualmente). Si pensi a chi fa beneficenza per farsi pubblicità. Il gesto è bello di per se, ma lo spirito sbagliato lo rende riprovevole.

    Diversamente se un gesto viene riempito di amore, ed è motivato dal rispetto per il prossimo, automaticamente sarà sempre positivo.

    Ma che c’azzecca questo, vi chiederete, con Obama?

    E sì, invece, che c’azzecca. Non voglio, sia chiaro, lanciarmi nella santificazione di un uomo che non conosco e di cui, comunque, essendo uomo di potere, diffido. Il collegamento è dato dal fatto che ormai mi capita sempre più spesso che quando sento parlare i nostri politici, anche quelli di cui posso condividere alcune posizioni, non mi fido.

    I politicanti non hanno più credibilità… Obama, invece, “profuma di nuovo”, come le macchine appena ritirate dal concessionario: senti il profumo e ti fai un sacco di aspettative sulle soddisfazioni che ti darà la tua nuova auto.

    Obama pare metterci convinzione e passione, il tempo dirà se è vero. Intanto è tornato far sognare gli americani… e a far morire di invidia noi.

  3. Ciao Tania e ciao Viola !

    Ora , non cominciamo con la solita demagogia prima che m’incavolo :-D

    E che cavolo , ma è una battuta : è facile andare sempre contro il nostro Premier . Troppo facile !

    E sai che ti dico ? Che sono contento che abbia risposto a modo ! Non mi risulta che Obama se ne sia risentito ! Forse perchè , essendo una persona intelligente , ha capito che era una battuta , come ne fa tante il caro Presidente ! Essù !

    Ciao Vitangelo : non concordo su tutto ma sulla parte della novità … Si :-)

  4. fino a ke si fanno le battutine apparent divertenti significa ke ‘si vuole vedere’ una differenza .

    un giornalista di colore diceva ieri sera in tv ke gli e stt diff spiegare a cnn e reuters cosa significhi in italia ‘battutaro’



    se la poteva risparmiare e/o poteva dirla in privato guardandolo negli occhi ma il destinatario della battuta cm dici tu sara tanto intelligente da sapere a ki dare credito e a ki no e a kiedergli da ke chir plastico va

    wowow

Scrivi un commento