LIBERI

E’ LA FINE DI UN INCUBO.

Al TG ho visto la gioia di una delle famiglie dei sequestrati , e , credetemi , l’emozione di una madre che riabbraccia il figlio , o di una moglie o di una sorella è un emozione davvero forte , una gioia smisurata . Dietro quelle lacrime di gioia , dietro quelle voci tremanti , dietro tutte quelle emozioni , si cela la gioia di sapere che i propri figli sono vivi ; dopo tante preghiere , il Signore ha assistito questi ragazzi , e ha posato la sua mano su loro , e li ha difesi .
I tre ragazzi arriveranno domani a Ciampino verso le 9.30 , e , finalmente , dopo 56 giorni , riabbracceranno le famiglie , magari ricordando chi non è più accanto a loro , come il compagno Quattrocchi , e finalmente potranno accarezzare i familiari , potranno abbracciarli e potranno rassicurare tutte le madri in pena per i loro figli rapiti , chissà dove da chissà chi , dicendo loro “MAMMA E’ FINITA” .

I tre ostaggi italiani in Iraq sono finalmente stati liberati.
Si è avuto notizia della liberazione alle ore 14.28 , dopo che poche ore prima era stato dato il consenso all’operazione militare che ha portato alla liberazione dei tre.
La notizia si è rapidamente sparsa per tutta Italia , e veloci si sono susseguite le “edizioni straordinarie” di tutti i TG , e rapide sono arrivate le “ultim’ora” Ansa , ADN Kronos ….

Rapide sono arrivate le reazioni degli esponenti politici , finalmente uniti in nome della “bella notizia” .
Il presidente Berlusconi , dal suo aereo che lo porta verso il G8 , è intervenuto prima al TG1 poi al TG5 , esprimendo la sua contentezza .

Il Santo Padre si è ritenuto contento e felice .
Felice sopratutto del fatto che non ci siano stati spargimenti di sangue .
Io ci credo , Dio ha protetto questi ragazzi , lo sento nel profondo del mio cuore .

E il tricolore sventola , festoso , lassù ….

;-)

Scrivi un commento