Tecnologia, arriva l'aereo passeggeri più veloce del suono!

Tecnologia - Arriva Boom erede del Concorde

Tecnologia: creato “Boom”, il primo aereo passeggeri più veloce del suono! Scopriamo insieme tutti  dettagli della notizia.

Tecnologia che, ancora, una volta, ci lascia senza parole: è stato creato, infatti, “Boom”, il primo aereo passeggeri più veloce del suono. Si chiama così, infatti, l’erede del Concorde, che permetterà di volare da Londra a New York in tre ore e mezza, proprio a distanza di vent’anni dal pensionamento del famoso aereo da trasporto supersonico.

Il nome del nuovo aereo, “Boom”, deriva dal cosiddetto “Boom Sonico”, che si ha quando si supera la barriera del suono (per chi volesse approfondire la questione, Wikipedia offre interessanti spuntiN.D.Giomba). 

Come detto, il nuovo aereo supersonico continuerà la storia già iniziata dal Concorde, che, purtroppo, ricordiamo tristemente per una strage che, nel 2000, costò la vita a 113 persone: proprio in questo senso, “Boom” promette sicurezza ed affidabilità, visti i moderni materiali utilizzati e le relative tecnologie di ultima generazione. Permetterà di ospitare a bordo fino a 50 passeggeri con prezzi “relativamente contenuti” (si parla di 5.000 Dollari per la tratta Londra – New York).

Sempre secondo le prime “voci di corridoio”, le rotte inizialmente coperte saranno Londra – New York, San Francisco – Tokyo e Los Angeles – Sidney, che saranno facilmente e velocemente raggiungibili proprio attraverso questo nuovo ritrovato tecnologico, che permette affidabilità e sicurezza, utili a collegare, in tempi relativamente brevi, punti della Terra lontanissimi tra loro!

Di certo – e questa sarà, verosimilmente, la sfida più grande – il grande pubblico dovrà riprendere fiducia dopo la famosa strage di cui abbiamo accennato qualche riga più sopra: è pur vero che, come detto, le tecnologie moderne sono sicuramente più affidabili rispetto a venti anni fa, così come i moderni sistemi di sicurezza, ma siamo sicuri che tutto ciò basterà a convincere nuovamente i clienti delle varie compagnie a volare alla velocità del suono?

Staremo a vedere…

Scrivi un commento