Tumori, anche in Italia la risonanza che brucia le cellule cancerogene

Tumori più curabili grazie ad RM 3 Tesla

Tumori, si spera, più facilmente curabili grazie ad un recente ritrovato scientifico: la risonanza che brucia le cellule tumorali! I dettagli.

Tumori, si spera, presto più facilmente curabili grazie ad un nuovo ritrovato della scienza: una speciale risonanza capace di bruciare le cellule cancerogene attraverso ultrasuoni ad altissima intensità: un vero e proprio ritrovato della scienza da tempo al vaglio dei ricercatori, che, se realmente si rivelerà utile in fase di test, potrà, presto, essere introdotta anche nel nostro Paese.

Si chiama RM3Tesla, e promette, nel vero senso della parola, di fare miracoli nella cura e sconfitta del cancro: si tratta di una ricerca senza precedenti ed unica al mondo, che, se realmente riuscirà nell’intento, permetterà la cura dei tumori e l’espulsione delle metastasi, a tutto vantaggio, evidentemente, della salute dei pazienti.

La macchina in questione sarà in grado di “bruciare” le cellule tumorali in una precisa area, seguendo l’andamento della situazione in tempo reale:

Si tratta di una tecnica meno invasiva e più tollerabile, senza gli effetti collaterali negativi della chemio e della radioterapia, ma la particolarità di questo trattamento è data avere una potenza doppia rispetto alla risonanza standard che  permette di vedere lesioni tumorali di solo un millimetro quando in genere sotto i 5 millimetri non sono monitoratili, inoltre l’innovativo macchinario è in grado di registrare gli aspetti di funzionamento degli organi e si potranno vedere anche le reazioni delle diverse aree al dolore e se ne potrà monitorare l’intensità. Ciò ci consentirà di curarlo meglio.

Così i ricercatori commentano questo stupendo “gioiello” della scienza e della tecnica: un altro meraviglioso, encomiabile, esempio di tecnologia utile all’uomo: una nuova speranza verso la lotta e la sconfitta del cancro, male del nostro secolo, condanna di tanti e malattia che, purtroppo, nessuno è ancora riuscito a sconfiggere del tutto.

Speriamo che questa sia, davvero, la volta buona!

Scrivi un commento