Cellulari, occhio al braccio: potrebbe danneggiarsi!

Cellulari - Il suo utilizzo danneggia le braccia

Cellulari “osservati speciali”: un loro utilizzo prolungato potrebbe arrecare danni alle braccia. Scopriamo insieme il perché.

Cellulari nell’occhio del ciclone, ancora una volta: dopo aver trovato una reale correlazione tra il loro utilizzo e i tumori al cervello, stavolta tocca alle braccia. Una ricerca dell’Istituto di Neurologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e della Fondazione Policlinico Universitario Gemelli di Roma, ha, infatti, confermato come l’uso prolungato del telefono mobile crea danni alle braccia, e, in particolare, al nervo ulnare.

Nello specifico, sembra che lo stare al telefono per troppo tempo, e sempre nella stessa posizione, altera la trasmissione dei segnali nervosi del nervo del braccio, portando a formicolii ed indolenzimenti all’intero arto e alle singole dita. A soffrirne maggiormente, tuttavia, è il nervo ulnare, situato dietro il gomito, che, quando va in sofferenza, causa parestesie e fastidi, che, a lungo andare, potrebbero peggiorare causando danni ancora più importanti.

Gli esperti sono giunti a tale conclusione analizzando 58 persone con sintomi di sofferenza al nervo ulnare e comparandoli a 56 pazienti senza alcun sintomo: in laboratorio, si è analizzata la velocità di conduzione nervosa sul nervo ulnare durante una chiamata al cellulare, ed è stato possibile notare come, appunto, il segnale nervoso arriva più lento mentre si usa il telefono mobile.

Ciò ci fa capire che il nervo comincia a soffrire già pochi minuti dopo l’utilizzo del telefono: cosa fare, quindi, per evitarlo?

Paradossalmente, basta utilizzare, semplicemente, un auricolare, oppure ricordarsi di alternare le mani durante l’utilizzo dell’apparecchio, non cadendo mai nella tentazione di tenere il cellulare con l’orecchio e la spalla, senza usare le mani, in quanto si va ad aggravare ulteriormente una situazione già di suo compromessa!

Insomma: si tratta, come sempre, di ricordare poche semplici maniere che ci permettono di utilizzare tale mezzo – spesso di lavoro – in maniera più confortevole e meno dannosa per la nostra salute!

Scrivi un commento